Lettera a un’amica omosessuale – le reazioni

Riporto qui le reazioni al post Lettera a un’amica omosessuale pubblicate su FaceBook.

Reazione

Ciao Simone, ho letto il tuo blog e non credo mi sia possibile rispondere, Primo perché ti poni come il detentore della verità, in secondo luogo perché ignori, ignori e vuoi ignorare una parte della verità e ignori non so’ se volutamente o meno che tu stai parlando di persone in carne ed ossa e di famiglie omosessuali e omogenitoriali già esistenti.
Teorizzi tantissimo, un elucubrazione corretta perché giustifichi il tuo pensiero ed il tuo credo ma veramente molto lontana dalla concretezza, dal pragmatismo e dalla vita, la vita reale, quella di molte persone e di molte famiglie. Un’elaborazione intellettuale, troppo intellettuale che ha l’arroganza di poter dire cosa sia sbagliato e cosa non lo sia decidendo della e per la vita di altri. Non so’ se rileggendo le tue parole ti accorgi della velata arroganza nell’affermare che quello che tu sostieni è giusto, quello che sostengo io è sbagliato e quasi in modo inappellabile.
Quello che leggo è il tentativo di rispondere in maniera pisco-sociologica partendo e restando, invece, sempre su una matrice cattolico-cristiana anche un po’ cieca pur di difendere la chiesa e alcuni dei suoi assoluti. Cieca davanti anche ad alcuni insegnamenti che da questa fede dovrebbe arrivare.
In quanto alle leggi di cui tu fai menzione, spero di aver modo di poterti rispondere con calma.
Parli tanto di verità, la verità sta nel fatto che siamo essere umani e come tali dobbiamo essere tutelati e con pari diritti e doveri. Non si tratta di desiderio ma di essere riconosciuti, di vedere riconosciuto il proprio amore che è pari all’amore eterosessuale e quindi, ribadisco con pari diritti e doveri.
Il matrimonio è una costruzione civile non “naturale”, altrimenti perché negli animali non esiste? Gli animali non hanno un coniuge, hanno compagni e compagne che nell’arco della via cambiano per procreare, senza nessuna costruzione famigliare alle spalle. Sai poi che negli animali esiste l’omosessualità?
Questo coprirsi dietro alla procreazione: e le coppie che non posso procreare o chi NON vuole procreare? Dai tutto ciò è avulso!
Sai cosa mi da’ fastidio poi del pensiero cattolico-cristiano che crede di portare con se la verità, elevandosi a unica verità.
E’ questo, questo modo di porsi che mi allontana dalla religione, nonostante certi insegnamenti fondamentali che ho avuto per la mia crescita.
Buona vita Simone. Ma la vita spesso è fatta anche di altra conoscenza, in primis quella che arriva dalle persone e dal loro vissuto!

Risposta:

Ti ringrazio ancora per questa bella risposta che ri-immette nel dibattito tanti punti interessanti. Mi piacerebbe affrontarli tutti, ma FB non e’ il luogo adatto per questioni cosi’ importanti e delicate, e soprattutto cosi’ personali. Anche se credo abbiamo fatto molto bene a parlarne con una certa serieta’. Alcuni punti pero’ trovano gia’ risposta nel mio articolo sul blog (natura, desiderio/diritto, essenzialita’ del dualismo sessuale nell’Essere Umano). Qui, solo qualche osservazione generale. Hai ragione, arriva un impatto forte da quello che ho scritto e capisco che possa venire percepito come arrogante. Ma questo credo accada soprattutto perche’ la mia non e’ la posizione comune del “laissez-fair” accondiscendente. In realta’ anche la tua posizione e’ netta, solo che sta dall’altra parte! Affermare un diritto ha tutta la radicalita’ di negarlo! Certamente se scrivo credo di avere ragione, come spero anche tu creda fermamente di avere ragione. Solo con questa serieta’ e profondita’ nelle proprie posizioni ha senso un dialogo. Altrimenti vuol dire che la questione non ci interessa davvero. In ogni caso ho scritto chiaramente versoi la fine quanto non sono assolutamente esente dal dramma di stare di fronte a queste questioni, e di che difficolta’ pongano, e di come rimangano sempre aperte, e di come mi augoro che possiamo affrontarle con la giusta umanita’ e rispetto. Certo, ho poi proposto la mia comprensione del problema. Riguardo alla questione della Verita’… chiunque, come moltissimi nel nostro tempo, abbiano rinunciato alla pretesa che una Verita’ esista (ma che esistano piuttosto solo opinioni e il problema di cosa sia Il Giusto sia irrisolvibile) certamente si sentira’ a disagio con le mia parole, parole di un cattolico in comunione con la Chiesa. Il Cristianesimo pero’ su questo e’
chiarissimo: noi non possediamo la Verita’, ma apparteniamo alla Verita’, che non e’ in primis una dottrina da difendere, ma una persona che ci ama, Gesu’ Cristo. Questo pone tutta la questione della ricerca del Vero in un dinamismo vitale che non si sclerotizza (o non si dovrebbe sclerotizzare) su un’ideologia. Mi dici che quello che ho scritto e’ un’intellettualismo. A me invece sembra di essere partito e tornato proprio puntualmente su tutte le questioni molto concrete che hai sollevato. Certo, nel farlo, c’e’ dietro il tentativo di ragionare rigorosamente partendo dal fondamento (perche’ il nostro Essere e’ costituito come dualismo sessuale) e non dalle conseguenze, ma questo credo sia l’approccio giusto per non perdersi nei dettagli. Da quello che mi hai detto cerco di trattenere soprattutto una cosa che credo sia importantissima e dove sono stato insufficiente: avere benissimo presente nella coscienza che si scrive a persone in carne ed ossa e si parla di vite umane, in tutta la loro complessita’ e parita’ di dignita’ umana (aspetto che pero’ ho sottolineato). Ecco, questa attenzione e apertura piena di interesse non deve mai mancare. Ti ringrazio per questo richiamo e mi scuso se in questo ho mancato. Questo non significa rinunciare a esprimere quello che si ritiene sia vero, ma farlo nell’umilta’ che il nostro sguardo sulla realta’ e’ sempre in evoluzione, e deve restare aperto all’imprevedibilita’ di quello che incontra.

Reazione

dubbio

Risposta

La provocazione ci stava tutta ed e’ ben accetta! Posso rispondere con Gv 1,18: “Dio nessuno l’ha mai visto: proprio il Figlio unigenito, che è nel seno del Padre, lui lo ha
rivelato.” Questo per avere
sempre la giusta posizione rispetto alla
pretesa di leggere i pensieri di Dio, che non e’ un affare privato di un
singolo uomo. Ma questi pensieri si sono fatti conoscere nella Storia
attraverso suo Figlio, rivelazione completa, che si dipana ancora nel tempo per essere compresa, attraverso la Chiesa. Il Dubbio… che grande tentazione affascinante elevarlo a metodo…Cartesio appunto lo aveva fatto… ne ero anche io un sostenitore… ma l’esperienza mi ha dimostrato con evidenza implacabile che non e’ il dubbio che fa camminare l’uomo, ma la certezza. Certo una certezza che e’ sempre in evoluzione, ma che tuttavia c’e’. Per lo meno la certezza di alcune grandi cose. Ecco, la certezza di una strada, questo ci basta. L’uomo cammina solo quando c’e’ una strada, quando sa dove andare. La strada e’ un’ipotesi adeguata sulla vita. Io personalmente non ho trovato niente che spieghi l’uomo e la vita meglio del Cristianesimo. Che renda ragione di tutti i fattori della vita. Ma di tutti pero’. E quindi non mollo una ipotesi sulla vita che promette molto, molto bene. Il dubbio, cioe’ il non partire mai per una strada perche’ si pensa che ce ne possa essere sempre un’altra migliore, non ci aiuta affatto. C’e’ una differenza fondamentale fra “dubbio” e “domanda”, che invece e’ motore di conoscenza e di vita. Quindi “Dubito ergo sum” e’ proprio il contrario di come voglio vivere. E la famosa sentenza di Cartesio che risulta completando il breve sillogismo “Cogito ergo dubito” e “Dubito ergo sum” — cioe “Cogito ergo Sum” — e’ proprio il contrario della sana esperienza elementare che invence dice “Sum! Ergo Cogito.”. Sulle interessanti conseguenze di questa fatale inversione cartesiana che ha influenzato molto il pensiero moderno… magari un altro post…: )

 

 

Advertisements
This entry was posted in General, Philosophy, Religion. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s