5 teoremi e 4 corollari sull’educazione

5 teoremi

1. Avere chiaro lo scopo dell’educazione, particolare (la materia) e globale (la vita), e esserne certi.

2. Lo scopo, e quindi quello che si propone per arrivarci, deve affascinare, attrarre, essere bello.

3. Chi viene educato da noi è un mistero di libertà altro da noi, che non possiamo possedere e manipolare. L’altro è libero anche di rifiutare la nostra educazione.

4. L’inquietudine dell’altro quando si accorge di avere dentro una domanda di felicità sproporzionata rispetto ai suoi mezzi va tenuta aperta e non estinta con l’intento di risolverla.

5. L’educazione, visto che ha a che fare con la libertà dell’altro, è un avvenimento, è un’esperienza. Per educare deve accadere qualcosa di nuovo.

4 corollari

1. Fare attenzione ai segni che emette chi viene educato, perché rivelano il suo bisogno.

2. Accompagnare l’altro senza toglierli il peso del cammino, per rafforzarlo e non indebolirlo.

3. Amare vuol dire sempre in qualche modo anche preferire.

4. Fare fare passi adeguati alla persona che si ha davanti. Uno che scopre di riuscire a fare qualcosa, anche semplice, riprende fiducia in sé stesso.

 

[Liberamente tratto da letture e conversazioni basate sul “Rischio educativo” di Mons. Luigi Giussani]

Advertisements
This entry was posted in Education, Experience, General. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s