Lettera al Presidente della Repubblica – post referendum

(lettera realmente inviata alla Presidenza della Repubblica)

Carissimo e stimatissimo Presidente Sergio Mattarella,

cercherò di impegnare al minimo il suo preziosissimo tempo. Ho molto apprezzato la sua prima reazione all’esito del referendum dello scorso 4 dicembre, congelando le dimissioni del Presidente del Consiglio Matteo Renzi, affinché questo governo e questo parlamento rispettino le urgenti scadenze. La voglio incoraggiare a continuare con questa linea, e ad andare anche oltre, verificando se ci sono le condizioni per far continuare il lavoro di questa legislatura fino alla sua fine naturale.

Gli italiani hanno votato ‘NO’ alla riforma costituzionale, non a questo governo, e non a questo parlamento. Questo è il fatto di fronte al quale dobbiamo stare. Al contrario, dare una lettura politica a questo voto, interpretandolo come una sfiducia al primo ministro o all’operato del suo governo — per quanto sia quello che i dirigenti delle forze politiche che hanno sostenuto il ‘no’ intendano– è un’operazione a mio avviso non giustificata, perché presume di poter interpretare arbitrariamente le intenzioni del popolo sovrano. Come possiamo pretendere di sapere se il ‘no’ di un cittadino votante era rivolto alla riforma o a Renzi? L’unica ipotesi ragionevole è assumere che la risposta data sia una risposta alla domanda scritta, e non a una domanda sottointesa, che potrebbe essere qualsiasi.

Questa legislatura ha preso un impegno morale con il Suo predecessore, il Presidente Napolitano, impegnandosi ad essere una legislatura delle riforme. Il tentativo fatto di elaborare una riforma costituzionale è stato bocciato dal popolo. Di questo bisogna prendere solennemente atto. La conseguenza che io ne traggo è che questa legislatura deve riprovare a svolgere meglio questo compito, e non sciogliersi. Sarebbe un esito non consequenziale, e un’opportunità mancata per una tanto necessaria maturazione della cultura e prassi politica. Se il problema era che la riforma non fosse abbastanza condivisa, allora la lezione è che tutti debbano imparare a lavorare meglio assieme, cooperando per il bene comune, e non cogliere ancora un’opportunità per affermare il proprio potere politico. Il lavoro per produrre una buona riforma costituzionale è un ottimo esercizio per rieducarsi a concorrere al bene comune, e non solo al proprio. Mi auguro Presidente che, se Lei condividesse questi ragionamenti, potesse intimare alla nostra classe politica di rimettersi al lavoro con una seria e collaborativa attività parlamentare, piuttosto che si cerchi la soluzione nel rifare una maggioranza, con le stesse persone, ma in proporzioni diverse. Non mi dilungo elencando le ovvie conseguenze di instabilità che i lunghi tempi per effettuare tutto questo porterebbero in questa delicata fase che stiamo vivendo. Caro Presidente, io sono un professore di matematica e fisica in un nostro liceo: sarebbe come se i miei studenti dopo aver fallito un compito, proponessero di rieleggere i rappresentanti di classe, invece che prepararsi meglio per la prossima prova.

In ogni caso Presidente, mi rimetto alla sua maggior saggezza, e confido che saprà guidarci in questa fase. Le assicuro anche le mie preghiere al Signore affinché la sostenga e illumini.

Cordialissimi saluti,

Simone Babuin

 

 

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

One Response to Lettera al Presidente della Repubblica – post referendum

  1. egidiobabuin says:

    Condivido pienamente senso e contenuto. Sarebbe una grande dimostrazione di maturità politica da parte dei partiti ed un segno di rispetto verso i cittadini. I quali hanno espresso sia con il “sì” che con il “no” la volontà di un cambiamento! Ma bisogna essere bravi a fare una sintesi e non continuare a cavalcare le personalizzazioni ed i particolarismi! (Egidio)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s